In offerta!

D’ANNUNZIO E I SUOI LEGIONARI

20,00 17,00

Il tenente Eugenio Maria Poletti e i rapporti fra i Legionari e militari regolari durante l’impresa di Fiume
Il volume, avvalendosi di documenti presenti negli archivi militari e privati italiani, vuole focalizzare l’attenzione su un nuovo aspetto dell’impresa di Fiume: i rapporti fra i legionari fiumani e i reparti militari in Italia.
Si parte dalla fine della Grande Guerra e dai problemi del 1919, genesi della marcia su Ronchi che vide protagonisti i Granatieri di Sardegna. Infine la marcia che dalla cittadina giuliana giunse a Fiume il 12 settembre 1919.
Si passa alla nascita delle forze armate legionarie, ai primi screzi fra D’Annunzio e l’ala legalitaria rappresentata dal maggiore Reina e dall’arma dei Carabinieri. Si parla del caso Reina e del suo allontanamento dalla città dalmata, il ruolo della Guardia di Finanza, l’ordinamento delle forze armate legionarie, i rapporti che D’Annunzio ebbe con le forze armate legionarie e quelle in Italia.
Attraverso l’analisi di inediti carteggi fra il Comandante ed alcuni suoi fidi collaboratori, come il Colonnello Sani e il Tenente Piffer, si scoprono i rapporti che intercorsero fra di loro.
Il volume si conclude con il Natale di Sangue e la conclusione della Reggenza Italiana del Carnaro.
Uno sguardo complessivo e dettagliato di ciò che successe agli uomini in divisa a Fiume ed in Italia, affascinanti dal Vate.

Disponibile

COD: ISBN 978-88-342-0005-6 Categorie: , Tag: , , , ,

Descrizione

Il tenente Eugenio Maria Poletti e i rapporti fra i Legionari e militari regolari durante l’impresa di Fiume
Il volume, avvalendosi di documenti presenti negli archivi militari e privati italiani, vuole focalizzare l’attenzione su un nuovo aspetto dell’impresa di Fiume: i rapporti fra i legionari fiumani e i reparti militari in Italia.
Si parte dalla fine della Grande Guerra e dai problemi del 1919, genesi della marcia su Ronchi che vide protagonisti i Granatieri di Sardegna. Infine la marcia che dalla cittadina giuliana giunse a Fiume il 12 settembre 1919.
Si passa alla nascita delle forze armate legionarie, ai primi screzi fra D’Annunzio e l’ala legalitaria rappresentata dal maggiore Reina e dall’arma dei Carabinieri. Si parla del caso Reina e del suo allontanamento dalla città dalmata, il ruolo della Guardia di Finanza, l’ordinamento delle forze armate legionarie, i rapporti che D’Annunzio ebbe con le forze armate legionarie e quelle in Italia.
Attraverso l’analisi di inediti carteggi fra il Comandante ed alcuni suoi fidi collaboratori, come il Colonnello Sani e il Tenente Piffer, si scoprono i rapporti che intercorsero fra di loro.
Il volume si conclude con il Natale di Sangue e la conclusione della Reggenza Italiana del Carnaro.
Uno sguardo complessivo e dettagliato di ciò che successe agli uomini in divisa a Fiume ed in Italia, affascinanti dal Vate.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.700 kg
Dimensioni 17 x 24 cm
Autore

Leonardo Malatesta, nato a Malo (Vicenza) il 23 marzo 1978. Laureato nel 2001 in Storia. È il Presidente dell’Associazione Sperre Valsugana e Direttore della Fondazione Museo Storico del Nastro Azzurro.
Studia la storia militare italiana ed europea dal 1848 ai giorni nostri. Collabora ed è socio con istituzioni culturali come l’Associazione Archivio Biblioteca Dall’Ovo – Onlus, la Casa Militare Umberto I, il Centro Internazionale di Studi Risorgimentali – Garibaldini di Marsala, l’Istituto Italiano dei Castelli, l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano.
È autore di molti saggi e monografie di storia sulla I Guerra Mondiale, che riguardano, in particolare, le fortificazioni.

Numero di pagine

400

Rilegatura

Brossura cucita